NEWS "Anniversario beatificazione 20 ottobre 2016"

Argentina-Padova-Cracovia

20160716 175625

Giovani Parrocchia Madonna Addolorata di Ullum San Juan Argentina

Eccoli qui: CLAUDIO, MARIA, RODRIGO e DON CARLO, arrivati dall'Argentina dove conoscono le nostre Sorelle missionarie a San Juan. Hanno fatto tappa qui a Padova per poi partire per Cracovia. Penso sia stata per loro una bella occasione poter sostare qui nella Cappella della Beata Liduina e accompagnati dalla, presenza del loro Parroco prepararsi nel SILENZIO e nella PREGHIERA prima di ripartire per il GMG di CRACOVIA. Sono sicura che la Beata Liduina accompagnerà con la sua presenza queste loro giornate. Ragazzi, aprite il cuore a Cristo e accogliete la sua Parola!

NON HO CHIESTO NULLA E HO RICEVUTO TANTO!

ANTONIA copia

All’inizio di quest’anno sono venuta qui presso la tomba della Beata Liduina, accompagnata da alcune amiche in particolare una, che ha una grande devozione della Beata. Vedendo che da mesi zoppicavo perché avevo un’anca che mi doleva fortemente, mi dice: “ Ti accompagno io da una Suora che ti può aiutare!” Arrivata in questa Cappella sono rimasta stupita e commossa di questa luogo. Mi sono avvicinata alla tomba, ma non ho chiesto niente per me, bensì ho pregato per mia figlia e per la mia nipotina. Sono uscita dalla Cappella contenta e colpita da questa Beata. Il mattino dopo però, quando mi sono alzata, ho constatato che non sentivo più alcun dolore all’anca: stavo bene e camminavo bene! Ancor oggi a distanza di parecchi mesi sto bene. Oggi sono qui per ringraziarla e testimoniare quanto ha fatto per me. Grazie, beata Liduina!   Antonia

Testimonianza di Carmen Testolin

 

Buongiorno Sr Bianca, mi scuso per il ritardo; come promesso durante il nostro incontro, Le invio un ricordo della mia infanzia che parla di Sr Liduina.

Mia nonna Elisabetta (nonna Betta per noi nipoti) era amica della mamma di Sr Liduina Meneguzzi. La signora Meneguzzi, nelle belle giornate, veniva in passeggiata a salutare la nonna e a scambiare due parole. Dopo i primi convenevoli su: come stai? Bella giornata oggi! i loro discorsi evocavano il periodo della seconda guerra mondiale.

Nonna Betta ricordava il figlio, zio Maurizio Testolin, morto a 20 anni il 16.8.40, in un bombardamento aereo (lui era meccanico motorista di aerei) e sepolto nella lontana Dire Dawa.

La signora Meneguzzi consolava nonna nell'affermare che la figlia Angelina, (Sr Liduina) in quel periodo prestava mansioni infermieristiche in un ospedale della zona, dove svolgeva la sua missione con grande passione ,disponibilità, e amorevole carità cristiana e la rassicurava che la figlia , appena aveva un momento libero, andava a pregare sulle tombe dei caduti e in particolare sulla tomba di zio Maurizio, suo compaesano, dove portava un fiore per conto dei suoi genitori lontani e impossibilitati a farlo personalmente.

Ogni volta che s'incontravano, i loro ricordi erano sempre gli stessi e ogni volta si salutavano asciugandosi una lacrima.

La saluto cordialmente. Carmen Testolin  

Silvia

Carissima Silvia,  sono stata contenta di conoscerti e ancor più di averti fatto conoscere la Beata Liduina che, da questo momento, sono certa ti accompagnerà assieme ai tuoi cari!

Fam. Cuoghi di Fiorano Modena

Marina Meneguzzi

Nella Cappella della Beata suor Liduina, dove la fede delle persone trova alimento Mai come oggi abbiamo bisogno di pace. Pace tra i popoli, perché le guerre nel mondo sono ancora tante.

Pace tra coniugi, colleghi, compagni di studi e amici, perché le piccole, grandi incomprensioni sono sempre in agguato. Ma soprattutto abbiamo bisogno di far pace con noi stessi, perché tante sono le nostre contraddizioni e tanti sono gli affanni quotidiani che ci affliggono.

A questo riguardo, c'è un luogo nel centro di Padova dove risulta particolarmente facile per le persone ritrovare un po' di pace: è la Cappella della Casa Madre della Congregrazione delle Suore di San Francesco di Sales, dove, dal 1961, riposa la nostra Beata suor Liduina Meneguzzi.

Pellegrinaggio Giarre 4 copia

Si volentieri subito

Beata 01

"Si volentieri subito"
ripeto anche oggi, sollecitata dall'Amore ad essere un cuore aperto per tutti coloro che sono nel dolore